Camina

Da ‘n coppa all ‘uorte sembrava na furmica pe ru tratture. Annanze e arrète matina e sera: a scegne la matina, a renchianà la sera sudate e stanche, la zappa ‘n cuolle e pède nnanze pède, tranche tranche.   Zì Minche, è calle.  Frische è ru sciume. Zì Minche, è fridde. Zappe e me scalle. D’estate e dentr’a vierne, sempre … Continua a leggere